Creare un set fotografico al computer? Sì, si può! PARTE 1

Aggiornato il: apr 29

Oggi ti voglio parlare di un software veramente molto utile e dalle prestazioni eccezionali! Ho visto che già in molti si sono interessati alla cosa tarmite i miei articoli ed i miei post sui social network.

Ringrazio Elixxier Software che mi ha concesso la possibilità di collaborare con loro per dare feedback sul loro programma che si chiama Set.a.light versione Studio 2.5 e di poterlo inserire nei programmi di formazione, che spero riprendano al più presto, dotandomi di una licenza indirizzata ai docenti.


Ma vediamo nello specifico cos'è Set.a.light!

E' un software di un'azienda tedesca, di Stoccarda per la precisione, che è arrivato alla sua versione 2.5.

Serve a simulare la gestione di un set fotografico in studio, principalmente indirizzato al ritratto ( inteso in tutte le sue declinazioni dalla moda al concettuale ), ma applicabile anche a qualche still life.


In questa sua ultima versione ha un'accuratezza davvero impressionante e un motore davvero easy che gira anche su computer di non eccellenti requisiti hardware, sia mac che pc.


Con questo programma puoi avere a disposizione una sala da posa, dei modelli e soprattutto tutte le luci e gli accessori che vorresti possedere.

Puoi inserirli all'interno dello spazio e, con parametri reali, gestire il tuo set fotografico, simulando la resa della luce!

E' qualcosa di veramente utile e allo stesso tempo impressionante!


Piccolo accenno. Per tanti anni mi sono occupato di grafica 3D, utilizzando software di modellazione e animazione come 3D Studio Max o Maya ed engine di rendering come V-Ray o Maxwell Render, quindi il mio approccio può essere un po' diverso, in quanto vado ad analizzare questo software con uno sguardo un po' più tecnico e difficilmente potrei farmi stupire da un risultato di rendering ( il rendering è il calcolo dell'immagine da parte del computer che analizza gli elementi in scena e le luci inserite). Valuto attentamente l'utilità e l'accuratezza degli strumenti.


Vediamo bene a cosa serve il software, facendo un po' di chiarezza.


Il software è indirizzato a:

- studiare un set fotografico in sala da posa

- calcolare in maniera accurata le luci perfette per ottenere le foto che vogliamo

- creare dei progetti condivisibili con tutte le persone coinvolte

- generare delle anteprime delle foto che andremo a fare

- avere una lista dell'occorrente per la produzione

- acquisire e migliorare le competenze per chi non è esperto di luci in studio

- velocizzare la messa in opera di quelle produzioni che prevedono una fase di test


Il software non è indirizzato a:

- creare delle fotografie/immagini

- sviluppare contenuti in grafica 3D con alto dettaglio di fotorealismo

- sostituire la produzione fotografica

Naturalmente il "non indirizzato a" è inteso come motivi per il quale non è stato studiato e prodotto il programma, ma ciò non vuol dire che non si possa fare questo tipo di utilizzo, accontentandosi dei limiti che presenta, proprio per la sua natura e per ciò per il quale è stato pensato.


Vediamo come si presenta!


In questa schermata possiamo vedere l'interfaccia grafica.

La vista è molto simile a quella di un software di grafica 3D, ma con il vantaggio che ha un linguaggio sviluppato per fotografi, tutto ciò che si può fare crea quell'esperienza riconducibile al lavoro in studio!

Sulla sinistra abbiamo una palette di strumenti che si riferiscono all'oggetto selezionato, in questo caso "l'oggetto" è la modella ma potrebbe essere la sala, una luce, la camera o un arredo. Moltissime cose sono configurabili, nel caso del soggetto abbiamo la maggior parte delle variabili modificabili, dall'abito alle caratteristiche personale.

Subito sotto vediamo la varietà di soggetti utilizzabili, considerando che realmente possiamo cambiare quasi tutto, capelli, colorito, altezza, forma fisica, trucco, abiti e accessori, possiamo dire che abbiamo una vastità tale da poterci mettere in condizione di fare dei test luce disponendo un po' di chiunque.

Poi abbiamo 3 grandi riquadri.

Il primo a sinistra, quello anche più grande, è la vista 3D, possiamo muoverci nello spazio e utilizzare questo riquadro per inserire, regolare e spostare tutte le cose che ci servono.

A destra, in alto, abbiamo l'inquadratura della nostra fotocamera che genera ad ogni movimento sul set una rapida anteprima.

Naturalmente abbiamo a disposizione i sensori e le lenti più diffuse.

Attenzione, per lenti intendo le focali, non è che possiamo fare delle differenze tra un 50mm Fujifilm e un 50mm Sony, non è questo il senso del lavoro.

Nella parte subito sopra l'inquadratura, possiamo vedere che ci sono le regolazioni della fotocamera: il sensore, la focale, iso, tempi, diaframmi e bilanciamento del bianco. Tutto il necessario.

Subito sotto, abbiamo il riquadro che ci consente due viste, la vista top (una comoda visualizzazione in pianta, quindi senza la prospettiva) oppure una set list, con l'elenco di tutto ciò che abbiamo inserito, una lista molto comoda per tenere sotto controllo o selezionare i vari corpi illuminanti o props in scena. Da questa lista è molto semplice anche accendere e spegnere gli oggetti, un po' come se fossero dei livelli di Photoshop.


Subito sopra queste finestre, vediamo che ci sono 4 schede: Setup, View, Export e Community

Setup è questa schermata che ti ho illustrato.

View è un pannello che consente di generare un'anteprima della foto, diciamo una sorta di rendering quasi fotorealistico, ad una dimensione maggiore dell'anteprima che abbiamo potuto vedere nella precedente scheda.



Export invece è una schede che consente di creare un pdf o una jpeg con un layout di progetto, in modo da avere uno stampato di tutto ciò che abbiamo calcolato, inserendo delle finestre descrittive molto utili.



Community invece è una delle grandissime novità di questa versione, perchè ci proietta all'interno di una sorta di social di utilizzatori e consente di condividere le scene realizzate. In sostanza possiamo caricare i nostri lavori per renderli disponibili agli altri e possiamo fare il download di quello che hanno messo a disposizione gli utilizzatori di tutto il mondo. Il file che si carica veramente in pochissimo tempo si apre nel nostro software e rimane un punto di partenza, in pratica possiamo poi andarlo a modificare a nostro piacemento oppure semplicemente andare a sbirciare per comprendere come hanno ottenuto questi schemi di illuminazione, devo dire una cosa molto carina.

Inoltre fa anche da cloud, possiamo andare a recuperare i nostri set, anche se non abbiamo in locale il lavoro, un bel vantaggio!

In questa schermata di mostro la community, puoi trovare diversi miei lavori condivisi, ti segno in questa quali sono i miei se vuoi fare il download, ma ce ne sono tanti altri.




Ora prima di andare troppo nello specifico e ad esempio di illustrarti come puoi creare uno spazio tuo salvando il tuo studio come template oppure come inserire il tuo modello di flash all'interno del software, sarebbe opportuno che tu provassi già l'interfaccia grafica.

Puoi fare il download del software a questo indirizzo, avrai una licenza prova di 14 giorni che ha tutte le funzionalità.


Elixxier, scarica da qui!


Ti consiglio la versione Studio più che quella Basic, perchè quest'ultima ha delle limitazioni negli spazi, negli oggetti e nel numero di luci utilizzabili che a mio avviso non sono commisurate alla differenza di costo della licenza delle due versioni che è decisamente esigua.


Nelle prossime puntate, sentivo il bisogno di dire questa frase, ti mostrerò funzioni specifiche molto interessanti e ti mostrerò degli strumenti presenti nel prodotto che potranno aiutare la tua creatività.


Non è un software ideale in questo momento di stop forzato?

Non è anche molto divertente da usare? Non sarà un valido compagno in molte situazioni?

Io credo proprio di sì!


Se vuoi, puoi scrivermi nei commenti delle richieste, tutte le domande che mi farai e che ti verranno in mente facendo dei test sulla tua versione prova, saranno oggetto di risposta nei successivi articoli che dedicherò a questo strumento e che saranno pubblicati nei prossimi giorni!


Ti auguro una Buona Pasqua e un piacevole periodo trial con questo software.


Se vuoi fare delle prove e pubblicarle qui per ricevere dei commenti, ricorda che esiste da poco la sezione Forum

Per ricevere la notifica dei prossimi articoli e per sfogliare quelli già pubblicati: se non sei ancora iscritto vai nel menù Education, clicca su "Blog | Tutorial" ed isciriviti facendo l'accesso con una mail, con un account gmail o con la login di Facebook!

Grazie per l'attenzione!

696 visualizzazioni2 commenti

All rights reserved | P.I. 02318580020

Senza titolo-1.png